ENoArmonie

enoarmonie cartolina 2015 450

ENoArmonie

La vocazione a correlare e declinare il linguaggio musicale con ogni possibile dato sensibile e con la molteplicità – quasi l’infinità – del "fare" umano è stata un filo conduttore, un asse formante della nostra progettualità associativa. Uno dei primi format sperimentati è stato EnoArmonie, basato non su una banale giustapposizione di vino e musica, ma su un programma al limite dell’utopia: la coniugazione dei sensi coinvolti nell’ascolto musicale e nella degustazione enologica in base alla sinestesia. Brani musicali ed assaggi enoici sono proposti, accostati e gemellati sulla base delle comuni espressioni percettive; lessico musicologico e glossario del sommelier trovano intersezioni e coincidenze in una sorta di corto circuito sensoriale. Espressioni ed aggettivi olfattivi, gustativi, visuali ed auditivi si integrano e riferiscono l’un l’altro. Il vino, complessa specificità del nostro territorio, non si limita ad allietare la fruizione musicale, ma ne diviene complice e corresponsabile, ricevendone illuminante profondità attraverso una cortese ed affabulata provocazione. L’espansione, l’approfondimento, l’incrocio delle nostre sensazioni azionano un gioco di allusioni radicate nella profonda cultura attinente ogni nostro senso, affinano la sensibilità attraverso l’amplificazione delle percezioni oltre il limite della singola suggestione: un gioco in cui soggettività e sensibilità sono ingaggiate nel coinvolgimento complessivo delle facoltà ricettive ed espressive.


ENoArmonie 2015 - IX Edizione

Degustare la musica, ascoltare il vino

Ritorna, ormai nella sua nona edizione, ENOARMONIE, l'iniziativa dell'Associazione Sergio Gaggia di Cividale del Friuli in collaborazione con alcune delle  più rinomate aziende vitivinicole del Friuli Venezia Giulia. Enoarmonie vede alcuni dei migliori critici e musicologi italiani - Guido Zaccagnini, Angelo Foletto, Valentina Lo Surdo, Guido Barbieri solo per ricordarne alcuni - proporre abbinamenti e sinestesie tra la grande musica da camera e i nobili vini del Friuli Venezia Giulia. L'iniziativa vede nel 2015 la novità di un prestigioso sostegno da parte della Fondazione Antonveneta, un altro importante  riconoscimento per l'attività dell'Associazione cividalese.

Da febbraio a marzo, saranno 6 gli appuntamenti alle  ore 18:00, raccolti in un programma articolato e assai prezioso per scelte musicali e interpreti. La formula, divenuta negli anni modello di riferimento, genera una contaminazione creativa dove l'ascolto e il gusto dialogano  scatenando emozioni inedite. A fare da guida è un esperto, l'enorelatore, capace di accostare brani musicali e degustazione, scoprendo e illustrando intersezioni e coincidenze fra il lessico musicologico e il glossario del sommelier.

Una qualità difficilmente superabile dei quattro elementi che fanno vivere il fortunato format, ossia la location, il livello di vini, musicisti e commentatore, li troveremo nel primo appuntamento fissato per domenica 1 febbraio a  Ruttars di Dolegna del Collio nella Tenuta Jermann. Nella serata, coda meditativa delle manifestazioni per la Giornata della Memoria, potremo ascoltare in una versione doc l'affascinante repertorio chassidico, cantato e suonato da un formidabile ensemble formato da Baruch Myers (Rabbino di Bratislava, che fu culla di tanti grandi commentatori della Bibbia) voce e pianoforte, Boris Lenko, violino, Jozef Luptak, violoncello e Milos Valent, fisarmonica. Eccezionale è anche  l'enorelatore, Guido Zaccagnini,  storico della musica, popolare quanto seguita voce di RAI Radio3 suite: a lui spetta il compito di gettare un ponte tra le musiche della tradizione chassidica con le caratteristiche uniche dei vini dell'azienda Jermann.

Domenica 15 febbraio l'appuntamento è a Bottenicco di Moimacco presso Villa de Claricini col Trio Stradivari, tra i più qualificati trii stabili in Italia, ed in veste di enorelatore il brillante direttore del MAN di Cividale del Friuli, Fabio Pagano. In programma, musiche di Mozart e Brahms in abbinamento ai vini dell'Azienda de Claricini. Altra domenica assolutamente speciale sarà quella dell' 8 marzo a Corno di Rosazzo, presso la recentemente rinnovata Villa Nachini Cabassi, in un incontro dedicato alle donne, in occasione della attesa festa. Protagonistii il Trio Hombre Tango con Marcelo Nisinman, riconosciuto erede argentino di Piazzolla al bandoneon, Alberto Mesirca, chitarra, Zoran Markovic, contrabbasso, assieme alla calda voce dell'enorelatrice Valentina Lo Surdo (presentatrice Radio3 RAI), con ovviamente musiche della grande tradizione del tango argentino e le sinestesie con i vini del Gruppo viticoltori dei colli orientali.

Domenica 15 marzo a Sagrado nella bellissima Tenuta Castelvecchio, il pubblico potrà scoprire il talento assoluto del violoncellista veneto Riccardo Giovine, presentato assieme ai vini dell'Azienda Castelvecchio da Guido Barbieri, anche lui notissima voce del III canale radiofonico RAI.  Domenica 22 marzo ci si sposta in provincia di Pordenone, a San Martino al Tagliamento nella sede dell'azienda Pitars dove Umberto Berti, coideatore delle Enoarmonie 9 anni fa,  presenterà il pianista friulano e finalista Busoni 2015 Nicola Losito, assieme ai pregevoli prodotti dell'azienda di casa. Domenica 29 marzo a Cormons presso la Tenuta di Angoris, nella pregevole Villa Locatelli, si potrà riascoltare l'eccezionale pianista ucraina, ma residente da anni a Parigi, Natacha Kudritskaja. Un bellissimo programma dedicato alla musica notturna sarà intrecciato dall'enorelatore Angelo Foletto (critico de La Repubblica) con i vini della Tenuta di Angoris.

La IX edizione di Enoarmonie è promossa dall'Associazione Musicale Sergio Gaggia con il sostegno della  Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, della Fondazioni Antonveneta e CRUP, Comune di Corno di Rosazzo, Azienda Jermann, Tenuta di Angoris, Viticoltori Colli Orientali, Azienda Pitars, Azienda Castelvecchio, Banca Friulovest,  Fondazione de Claricini. Con la collaborazione di Slowfood.

  


Downloads (in formato PDF - Adobe Reader)